IIS - M.T. VARRONE
LICEO ARTISTICO - A. CALCAGNADORO

Via Palmiro Togliatti, snc - 02100 Rieti / tel 0746 483593 / fax 0746 200009 / mail - RIIS003001@istruzione.it

Sei in: home page > Attività e Progetti>Varrone al Quirinale per l'inaugurazione dell'anno scolastico








L'I.I.S. Varrone al Quirinale per l'inaugurazione dell'anno scolastico

Lunedì 22 settembre, fra i circa tremila studenti provenienti da tutta l'Italia per la cerimonia di apertura dell'anno scolastico, c'era anche una delegazione dell'Istituto di Istruzione Superiore M. T. Varrone di Rieti articolato nel corso Liceo Classico, Liceo Artistico, Costruzione Ambiente e Territorio (ex geometri) assieme ad altri istituti reatini selezionati.

Gli alunni sono stati accompagnati dalle professoresse Cristiana Giovannini (capogruppo) e Letizia Rosati individuate nel corpo docente dal Dirigente Scolastico professoressa Lidia Nobili da sempre attenta a ribadire l'importanza della scuola per la formazione dei ragazzi e la centralità di questa istituzione nella società.

La manifestazione ha avuto luogo nel Cortile d'Onore del Quirinale, splendida cornice storico-artistica in una calda serata, alla presenza del Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano e del Ministro del MIUR Stefania Giannini con la conduzione televisiva di Fabrizio Frizzi e l'alternanza sul palco di rappresentati del mondo artistico e dello sport come Enrico Brignano, Francesco Renga, Tania Cagnotto, Marco Bellinelli.

La delegazione dei sei studenti del Varrone (Camilla Scopigni, Rachele Esposito, Arianna Scappa, Andrea Di Vittorio, Sveva Marcocci e Mattia Grillo) ha potuto partecipare all'evento poiché l'istituto si è distinto nella realizzazione di progetti sui temi di partecipazione alla vita della scuola come la legalità, la cittadinanza, l'Intercultura e l'integrazione che gli insegnanti, definiti dal Ministro dell'Istruzione il più grande esercito europeo che lavora per la pace promuovono quotidianamente nelle aule. I ragazzi auspicano per il futuro nuove occasioni d'incontro tra la scuola e lo stato perché si sentono il motore della società, un'energia nuova che ha bisogno di sogni e di spazi.

 
^ Torna a inizio pagina