IIS - M.T. VARRONE
LICEO ARTISTICO - A. CALCAGNADORO

Via Palmiro Togliatti, snc - 02100 Rieti / tel 0746 483593 / fax 0746 200009 / mail - RIIS003001@istruzione.it

Sei in: home page > Attività e Progetti>My Story. Testimonianza della vita di giovani dislessici








My Story. Testimonianza della vita di giovani dislessici

Il nostro istituto ha partecipato attivamente al progetto My Story, promosso in collaborazione con l’AID: giornate divulgative con testimonianza diretta dei giovani dislessici. L’appuntamento nella regione Lazio si è svolto il 18 ottobre a Frascati presso Villa Sora Istituto Salesiano.

 Visto il considerevole interesse che si riscontra intorno alle tematiche dei disturbi specifici di apprendimento e la grande sensibilità che da sempre la nostra Scuola ha dimostrato nei confronti di queste tematiche, si è proseguito anche quest’anno con una serie di iniziative e progetti svolti con la collaborazione dell’AID (Associazione Italiana Dislessia) che hanno coinvolto in prima persona i ragazzi come testimoni attivi di questa importante problematica che la scuola finalmente affronta con consapevolezza e responsabilità. Sono state organizzate serate divulgative che prevedevano appunto una serie di incontri di testimonianza diretta di ragazzi, nell’ottica di una collaborazione nel gruppo dei pari. Sono stati realizzati pertanto delle giornate divulgative a carattere regionale. Il Liceo Artistico ha partecipato attivamente al progetto My Story, promosso in collaborazione con l’AID: giornate divulgative con testimonianza diretta dei giovani dislessici. L’appuntamento nella regione Lazio si è svolto il 18 ottobre a Frascati presso Villa Sora Istituto Salesiano.  Nell'occasione è stato proiettato e commentato il video realizzato dagli studenti del Calcagnadoro: “E’ questo che vogliamo”. La referente per la nostra scuola è la Prof.ssa Rosati che ha curato l’organizzazione della giornata, la scuola è stata invitata a partecipare perché promotrice delle buone pratiche didattiche sui DSA. Il progetto My Story: è stato strutturato in modo da riportare le testimonianze della vita dei giovani che vivono la Dislessia/DSA in prima persona. Il metodo adottato è appunto quello della documentazione diretta che assume due fondamentali caratteristiche: la condivisione della propria esperienza personale; la condivisione della consapevolezza di un’identità e di una definizione più precisa di dislessia maturata attraverso il confronto tra pari. La testimonianza diretta portata dai ragazzi è molto importante e costituisce un passo fondamentale soprattutto per chi ha da poco scoperto la propria Dislessia/DSA e che trova nella storia dei Testimonial uno stimolo positivo e rassicurante. La testimonianza è per sua definizione un’esperienza personale che trova nel confronto tra pari un’identità più precisa e coinvolgente. I ragazzi che hanno vissuto tal esperienza hanno sviluppato una consapevolezza maggiore in merito alla propria dislessia e alle analogie e differenze tra la loro pratica e quella degli altri ragazzi con DSA. Tradurre tutto ciò in immagini e riuscire a raccontarsi è un processo che richiede determinate caratteristiche e situazioni che possono essere create facilmente all’interno del progetto MyStory. I Testimonial che sono intervenuti all’interno di questo progetto sono ragazzi dislessici/DSA, hanno scoperto che il modo più semplice, naturale e immediato per affrontare le sfide della Dislessia è conoscerla e confrontarsi con altri che stanno vivendo o hanno già provato le medesime sfide.
Gli obiettivi perseguiti da questo progetto sono stati quelli di:
Permettere ai giovani dislessici di partecipare a un incontro pensato appositamente per loro all'interno della propria regione
Far conoscere e comprendere alla classe cosa vuol dire essere dislessici  
Favorire un maggior dialogo tra l’alunno dislessico e il gruppo docenti
Favorire una maggiore consapevolezza sulla propria dislessia.
Il nostro istituto si conferma una scuola sensibile rispetto alle problematiche dei giovani in generale e dei propri studenti, considerando l’importanza fondamentale della formazione degli insegnanti, della flessibilità didattica, dell’adattamento di programmi e metodi di insegnamento alle esigenze cognitive dei ragazzi per il raggiungimento  del successo formativo che è alla base del progetto di vita dei nostri giovani.

 
^ Torna a inizio pagina