IIS - M.T. VARRONE
LICEO ARTISTICO - A. CALCAGNADORO

Via Palmiro Togliatti, snc - 02100 Rieti / tel 0746 483593 / fax 0746 200009 / mail - RIIS003001@istruzione.it

Sei in: home page > Attività e Progetti>Restauro e non solo...








A scuola di Beni Culturali

Visualizza


Presentazione


Video

Il 17 gennaio 2013, dalle ore 15,30 alle ore 18,30, presso la sede di via Togliatti del Liceo Artistico “A. Calcagnadoro”, si terrà il convegno A scuola di Beni Culturali previsto all'interno della cornice Calcagnadoro &venti.

La manifestazione si colloca nel solco della pluriennale attività di studio, formazione, valorizzazione che la scuola promuove rispetto ai Beni Culturali del territorio provinciale.
L'Istituto è da tempo fautore di didattiche sperimentali che vedono il coinvolgimento diretto degli studenti al fine di creare generazioni di cittadini più consapevoli della propriaidentità culturale, grazie anche alla collaborazione di specialistici nei settori della didattica museale, del restauro e dell'impresa di settore.
Quest'anno la scuola ha concentrato la sua attenzione sui recenti restauri avvenuti nel territorio provinciale a Rieti e Leonessa

Programma:
Saluti del Dirigente Scolastico e delle Autorità intervenute
La scuola che fa scuola
· I. Millesimi, docente: il curriculum del Liceo Artistico nella didattica dei beni culturali tra avanguardia e sperimentazione
· M. De Simone, direttore M. Civico di Rieti: La didattica museale
· L'esperienza dell'associazione Rearte
· Gli alunni al centro dell'azione didattica: esperienze dei ragazzi
Proposte da e per il territorio
· Claudio Spadoni, presidente delegazione del Fai (Fondo Italiano per l'ambiente), Rieti: Per un'Italia possibile
· Studi & riscoperte - La parola ai professionisti del restauro:
M.Comis - R.Piroli: I restauri degli affreschi della chiesa di S. Francesco in Rieti
A.P. Salvi, Il restauro della lunetta di S. Francesco a Rieti
A.P. Salvi, La tela di Biagio Puccini a Vallunga di Leonessa
Dal bene culturale la cultura d'impresa: L'esperienza dell'associazione culturale Iterart
---------------------------------------------------------------------------------------------

Credere in una scuola dinamica, non autoreferenziale, capace di guardare alla contemporaneità attraverso la rilettura della storia che regala ad una comunità il senso della bellezza riscoperta grazie ad interventi di restauro che consentono via via di svelare storie e percorsi è possibile. Questo lo spirito del convegno tenutosi il 17 gennaio scorso presso la sede del Liceo artistico “A. Calcagnadoro” a Rieti. La manifestazione si colloca all'interno della pluriennale attività di formazione e valorizzazione che la scuola promuove nell'ambito dei Beni Culturali territoriali aprendosi a didattiche sperimentali che coinvolgano direttamente gli studenti al fine di creare generazioni di cittadini più consapevoli della propria identità culturale, grazie anche alla collaborazione di specialistici del settore.

Quest'anno la scuola ha concentrato la sua attenzione sui recenti restauri avvenuti nel territorio cittadino presso l'importante chiesa di S. Francesco, che ha restituito, sotto scialbature seicentesche, affreschi di chiara matrice assisiate con evidenti citazioni dalla cultura giottesca e senese. Le pitture si collocano all'interno del grande percorso di fede sviluppatosi a seguito della rivoluzione francescana tanto documentata nel reatino. Altro tassello interessante della discussione è la scoperta del capolavoro di Biagio Puccini a Vallunga, piccola frazione di Leonessa, che custodisce un gioiello settecentesco inviato dall'artista romano a seguito di una prestigiosa commessa locale. Il pittore, già allievo del reatino Antonio Gherardi, realizza un olio su tela di chiara ispirazione caravaggesca. I contributi rispettivamente di Martina Comis, Roberta Piroli e Anna Paola Salvi sono seguiti alle sollecitazioni della direttrice del museo cittadino Monica De Simone, che ha evidenziato le potenzialità di un museo territoriale capace di attrarre, parlare, interagire. Stimolanti i contributi del FAI, delle associazioni Rearte e Iterart che tentano di fare cultura d'impresa attraverso il patrimonio. In tale cornice, rafforzata dalla presenza del Dirigente prof. Giovani Lorenzini, dal dott. Paolo Grieco per la Prefettura e dell'assessore alla cultura del Comune di Rieti, dott. Diego di Paolo, i giovani studenti del liceo artistico non intimiditi dalla presenza di tanti adulti, hanno raccontato le loro esperienze con freschezza e determinazione scoprendo il valore dell'art.9 della Costituzione che recita :”La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione”.

Per dare il vero senso dell'accoglienza e dell'integrazione un interprete LIS consentiva la comunicazione a tutti guidando i ragazzi nella visualizzazione dell'inno d'Italia a favore dei compagni ipoacustici. Il coro era fatto di segni e non di suoni!

Le docenti di storia dell'arte Letizia Rosati, organizzatrice e coordinatrice dell'evento, e Ines Millesimi, curatrice dei rapporti con la Fondazione Varrone e l'aterlier Machina, hanno voluto ancora una volta dimostrare che la centralità dell'alunno è la chiave di volta per le buone pratiche nella scuola.
Prof.ssa Letizia Rosati

 
 
^ Torna a inizio pagina