IIS - M.T. VARRONE
LICEO ARTISTICO - A. CALCAGNADORO

Via Palmiro Togliatti, snc - 02100 Rieti / tel 0746 483593 / fax 0746 200009 / mail - RIIS003001@istruzione.it

Sei in: home page > Attività e Progetti> CAI








CAI - Idee per la Montagna

cai

Al progetto didattico hanno partecipato 22 studenti (indirizzo di Grafica), gruppi di studenti classi IIA e IIIA e tutta la classe IVA.

Il progetto prevedeva una parte introduttiva di lezioni frontali per avviare gli studenti, che pur vivono in territorio montano ma che non frequentano la montagna, all’accostamento tematico: identità e simboli della montagna, sua frequentazione e modificazione antropiche, alpinismo, conoscenza delle diverse attività del Club Alpino Italiano (video, consultazione siti internet, cataloghi e foto).

L’idea di un progetto didattico è nata dal concorso aperto alle scuole indetto dal CAI di Bergamo per incentivare la frequentazione della montagna da parte dei giovani.

L’obiettivo era quello di vedere come i giovani vedono un’associazione storica come il CAI e come possono proporne un’immagine rinnovata e al passo con i tempi per pubblicizzare le attività sportive, turistico-ricreative in montagna. Ai ragazzi è stato chiesto di:

  1. disegnare una mascotte-guida per un volantino sull’Alpinismo Giovanile, simpatica e vicina al mondo dei cartoons per invitare i bambini a frequentare la montagna

  2. progettare il volantino dell’Alpinismo Giovanile del CAI di Rieti

  3. progettare un depliant del CAI di Rieti, che pubblicizzasse tutte le attività che si svolgono nella sezione.

L’ideazione della mascotte-guida per il volantino sull’alpinismo giovanile ha richiesto una serie di bozzetti preparatori con l’utilizzo di diverse tecniche grafiche e pittoriche: oltre a disegnare la mascotte, prendendo spunto dagli animali che si trovano in Appennino, sono state effettuate rielaborazioni cromatiche, sviluppo ed esecutivo in vettoriale con il mezzo informatico. La mascotte è stata poi applicata, insieme alle immagini fotografiche, nella parte anteriore del volantino, con un messaggio verbale diretto per invogliare i giovani a conoscere e ad apprezzare la montagna.

Per il depliant a tre ante invece, dopo aver creato una gabbia di impaginazione, gli studenti hanno inserito i testi e le immagini in modo personale, elaborando le fotografie e disponendole in maniera creativa nel campo, con l’utilizzo di titoli e caratteri prevalentemente lineari per rendere più efficaci e leggibili le informazioni.

Il lavoro, individuale e sottoposto a verifica, ha motivato particolarmente la classe, suscitando una proficua competizione tra i ragazzi e rendendoli consapevoli di quelli che sono i percorsi progettuali e i tempi rapidi della produzione.

Gli studenti hanno apprezzato il progetto che si vede realizzato e non una simulazione astratta. Per loro ma anche per la scuola è importante vivere i saperi e gli apprendimenti delle competenze in relazione al territorio e alla realtà che vivono. Al di là dei risultati del concorso (i primi classificati hanno vinto uno zaino tecnico, tutti hanno ricevuto un diploma e un marsupio), al di là della visibilità ricevuta (due mostre e una conferenza stampa al cospetto delle Autorità), la scuola ha avuto l’opportunità di calarsi sempre più nella vita concreta del territorio (mille volantini e depliant stampati) a costo zero perché le spese dei materiali e della stampa sono stati sostenuti dall’associazione.

GIURIA E MOTIVAZIONI DEI PREMIATI

La giuria era composta da otto persone, tra cui il Presidente del CAI e il componente genitori membro del Consiglio d’Istituto IIS Varrone, 1 corsista che sta per diventare titolato CAI Accompagnatore AG, 1 ex studentessa dell’Istituto d’Arte specializzata in Fotografia e Comunicazione, 3 bambini del Gruppo AG di 9 anni.

PREMIO SPECIALE CAI ad Antonello Vincenti (IIA). Perché la mascotte da lui ideata, una volpe un po’ vecchietta, saggia e sorniona che si appoggia a due bastoncini, interpreta al meglio lo spirito del Gruppo dei SENIORES del CAI, e quindi diventerà la loro mascotte.

PREMIO MASCOTTE e ideazione volantino per l’Alpinismo Giovanile (IV A). Pari merito Gabriele Pangrazi (parte anteriore del volantino) e Valentina De Massimi (parte posteriore). Motivazione: la mascotte ideata da Pangrazi è un aquilotto, rivisitazione del simbolo tradizionale del gruppo AG; è stata l’unica tra le tante molto divertenti che ha mantenuto il carattere disegnato e castellato, ma è stata pure l’unica che riesce tridimensionalmente a integrarsi e ad armonizzarsi con l’ambiente montano della fotografia, senza giustapporsi. Semplice ma efficace lo slogan che l’accompagna. Il retro progettato da Valentina De Massimi è molto efficace per la raffinatezza comunicativa dei dettagli (la piccozza che puntella il messaggio o la nuvola a forma di montagna), ma anche per la pulita creatività grafica dell’insieme.

PREMIO DEPLIANT (IV A). All’unanimità la Giuria ha scelto la proposta di Celeste Cerroni per l’immediatezza e l’impatto comunicativo della grafica, dove il nome dell’Associazione che racchiude i suoi valori è l’elemento portante. Si tratta di un depliant da colpo d’occhio, attraente e moderno ma fedele nei colori alla tradizione del CAI. L’orma dello scarpone che unisce ogni facciata del depliant è stata poi un’idea apprezzata.

 
 
^ Torna a inizio pagina